google analytics experiment

London End Tube Stations Tour - Edgware

questo é il primo di una serie di articolo.
É una cosa che voglio fare da tanto tempo, il giro di tutte le stazioni di Londra.


Ho deciso di fare questo per diversi motivi che inventerò’ sul momento: a) ogni volta ch prendi la tube la voce ripete ossessivamente ad ogni fermata il nome del capolinea, il mio deve essere il primo caso di pubblicità’ subliminale involontaria
b) voglio visitare londra seguendo un itinerario diverso da’ “visitiamo i punti di interesse” o “andiamo agli event”
c) non ho un cazzo da fare (in realtà’ o 1000 cose da fare, ma oggi non ho voglia di fane nessuna) 


Arrivo alla stazione: sono già’ stato in stazioni fuori Londra, l aspetto di questa non e’ niente di nuovo.
Sulla tube ho letto la pagina Wikipedia di Edgware (questa qui: 
https://en.wikipedia.org/wiki/Edgware).

Ora oltre ad essere diventato uno dei massimi esperti del luogo ho stabilito nella mia testa pochi obbiettivi e ben confusi:  

1) voglio vedere il lago di cui parla wikipedia, 2) voglio vedere il centro commerciale  “The Broadwalk”
3) voglio  mangiare qualcosa


Subito fuori dalla stazione vedo il  centro commerciale, apparentemente (da questo articolo 
https://thetab.com/uk/student/2016/02/12/edgware-is-the-true-cultural-capital-of-london-and-maybe-even-the-uk-571 ) e’ qui che le ragazzine locali vengono a farsi fare i piercing senza l approvazione di mamma.

Chiude alle 5, decido di farci un giro rapido: niente di particolare, sembra una versione ridotta del Citta’ Fiera (un enorme centro commerciale a Udine, per i non friulani).
img1: “un club  a cui vorrei appartenere”

Ecco un club a cui vorrei appartenere



Sulla mappa vedo due “pozze” d’acqua, sono nella stessa direzione, quindi mi incammino . 

I negozi / caffe’ un po’ mi deludono, ci sono le solite catene, niente di particolare, per’ vedo una gelateria che sembra promettente: al ritorno probabilmente ci faro’ un salto.

Mi inbatto in un monumento ai caduti in mezza alla strada, carino:

Nel mezzo del cammin di nostra vita un monumento commemorativo a caso.



Camminando noto alcune cose in ordine sparso: l’eta’ media delle persone e’ più’ alta che in centro a Londra, ci sono due  negozi di lapidi (cosa che non ho mai visto in centro), le agenzie hanno solo annunci per la vendita delle case (nessun affitto, il che e’ strano). 




Inoltre ci sono dei dettagli che rendono evidente il fatto di essere al limitare della citta' tipo un cartello di "attraversamento papere" ed un sacco di  case con alberi e giardini





A quanto pare il lago e’ un punto di forza, i cartelli delle agenzie immobiliari se la tirano mostrando foto di questo “lago” che sembra gigantesco.

Ok Agenzia, mi stai comprando
C’e una coppia che sta facendo le foto del giorno del matrimonio, sono teneri ma stanno rovinando il mio momento speciale con il lago, maledetti egoisti! Loro possono sposare tutti i giorni, io muovo il culo solo una volta al secolo :P.

Andate a sposarvi a casa vostra!
Vengono qua' e ci rubano i laghi...

Decido di incamminarmi verso l altro lago, ma non trovo come arrivare al lago più’ grande, in compenso trovo il “canon park”, bello!.

Ci sono altre persone, ma molto meno che ad Hamptsted heat, (il parco in cui vado di solito) il che non può’ che essere un punto a favore :).
Giro il parco, ci sono parecchie cose interessanti, ma non riesco ad arrivare al lago. 






faccio diversi tentativi ma a quanto pare l agenzia che si bulla del lago, e’ la stessa che vi ha chiuso tutti gli accessi per farci dei lavori, il massimo che riesco ad ottenere e' intravedere il lago da dietro delle sbarre

Tanta strada per trovare l accesso bloccato

Infine camminando in torno al lago, questo e' il miglior risultato.




Al ritorno decido di concedermi il gelato nel posto di prima, mentre lo aspetto scopro che in quel posto sono tutti Italiani, non ne avevo ancora incontrati, mi sembrava strano!
Il gelato e’ x, ma il gusto banana merita :P.



Qui l'album con tutte le foto: Edgware album


Infiniti uguali, illusioni diverse

Ho girato tante volte
troppe, ho fatto il giro

Ho cambiato ogni volta
e sono rimasto sempre uguale

Ho svoltato ogni angolo
ed ogni volta mi sono ritrovato
me stesso, sempre uguale

Ho indossato centomila maschere
ero sempre lo stesso uno

una volta cambiato
mi sono sentito diverso
sempre alla stessa maniera

sempre diverso
e sempre uguale
a me' stesso

Seemsolitude

Everything seems so stupid So I stay disconsolate the floor is rough and sad, I'm on the sand alone between so many only intimates I fix damages from our legacy I would like to be with you only you I lose the moment I lose you in a moment there are things I do not understand things I don't mind the damage is done I loose my mind The likeness of our estates the solitude of our beings

Similsolitudine

tutto mi sembra stupido
non mi consolo
il pavimento é ruvido
sto sulla sabbia da solo
insieme a tanti
soltanto intimi
sistemo danni
dei nostri lasciti
verrei te
te soltanto
se sosto troppo
ti perdo in un attimo
ci sono cose che non capisco
il danno é fatto
il capo smarrisco
similitudine dei nostri estri
la solitudine dei nostri esseri

San Nato

sei nato a gennaio, 
alzati, alzati
sei nato in primavera
col sole dalla tua
sei nato in autunno
caduco come le foglie
la depressione come moglie
sei nato in inverno
sei nudo all’interno
malato di tristezza
la neve ti carezza
sei nato ad ottobre
quando cadono le foglie
tua figlia ti guarda

dall’alto di un albero

Tanti Nemici Tanto onore

vite intrecciate e rovinate che collidono.
Mi ci sono trovato in mezzo. Amici che si "stufano" di te e ti evitano. Solo momentaneamente. Per questo sono veri amici.
Altri svaniscono dalla visuale, non e' nient'altro che qualcosa di gia' previsto.
"Nuovo tatuaggio, tradimento sul braccio"
E' qualcosa che ho imparato, che mi si e' tatuato addosso. La cosa sorprendente e' che mentre mi facevo il tatuaggio, mi sembrava naturale, quasi come lavarsi i denti la mattina.
"Se per tre zeri, un due scleri, domani rimarra' ieri bloccato in buchi neri, guidato da tic e tumori"
Di scleri ne ho tirati, e ad un certo punto ho pensato che il domani rimanesse ieri. Invece ho avuto la forza di andare avanti, sono contento di questo. Tutto sommato, penso di essere molto fortunato.
Non e' stato facile, quando ti guardi intorno e vedi le persone che ti stanno attorno, che ti vogliono bene, che ti conoscono a fondo, che guardano la tua vita, le tue scelte, e scuotono la testa. Perdi sicurezza. Quella sicurezza che ti servirebbe per prendere decisioni con lucidita'.
"grande capo bianco dice che noi siamo forti, che siamo pronti, per attaccare. Grande capo bianco vuole carne da cannone e che sia bello morire insieme"
Mi rendo conto che sembro e sono sembrato manipolabile. Ed e' vero. Io mi faccio manipolare. Lo ho sempre fatto. Ritengo che sia semplicemente quello che fanno tutti, solo che fanno un po' piu' di "resistenza". qualcuno diceva che "la coerenza e' un inganno sociale", penso sia vero. Serve alla gente per rendersi piu' accessibili. Ritengo che facendomi influenzare da tutti, non mi faccio influenzare da nessuno. Nella fase di "influenzamento",  ritengo inoltre di poter cogliere il punto delle persone che incrocio in maniera piu' profonda. Qualcuno potrebbe dire che sono un debole, ma il Tao dice che "il morbido vince sul duro".

"perchè: calma non c'è, pace non c'e',  ma un massiccio  sblasta guasta devasta i clichè per proporre ciò che è andato perso pronto a ricomporre, il prossimo passo lo possono solo supporre!"mi piace pensare cosi' un'altro step della vita e' passato, vado avanti per la mia strada. Tutti quelli che dicono che sono prevedibile in realta' dicono cazzate, sono abbastanza sicuro che nessuno fosse certo di quello che avrei fatto. Probabilmente (e giustamente) perche' non gliene fotte un cazzo al suddetto nessuno :P. Il concetto e' semplice, seguo il wu wei, la azione/non-azione. Tu poi restare fermo nello stesso punto ma non immobile, devi essere flessibile. Puoi decidere che strada prendere, ma sara' la vita a proporti le strade, tu poi solo scegliere' quali percorrere e come. Se percorri tutta la strada guardando il bivio nel quale credi di aver sbagliato la svolta, se non ti schianti contro un camion quantomeno vai piu' lento.



coding anxiety

"Piu' me ne scrivo, piu' mi sento in attivo"
inizio le cose per ansia, per fretta, per senso di insoddisfazioni

"di 10 che ne scrivo 9 ne reprimo"
quante cose inizio e non finisco, non sono mai contento, mi stufo, mi accorgo di fare cagate

"prendi ridalli, rifalli, vite vissute a intervalli"
questa creativita' caotica prende il sopravvento su tutto il resto, non mi sento bravo in quello che faccio, eppure e' quasi "il mio tutto"

"mentirei se dicessi che in fondo ho anche altri interessi"
Negli anni questo mi e' rimasto, l'influenza delle  arti marziali sta lentamente svanendo

un momento di malinconia a Londra

Il mio coinquilino tedesco ha iniziato a suonare una canzone malinconica con la sua chitarra. Sono Le 11, Londra, Shoreditch.
Ho appena finito di vedere una puntata di the man in red contro il capitalismo.
Penso che il prossimo sabato (oggi e' domenica) cambio casa. Sono un po' malinconico.
Mi piace pensare di aver fatto gruppo con i miei coinquilini, cedo per un istante al costante cinismo con cui solitamente leggo la realta'.
Solitamente bramo per vivere da solo,  ma sento molly aggirarsi per la casa e parlare con gli altri con un tono divertito-asiatico tipico delle commedie brillanti del far-east, e' la prima volta che lo sento dal vero.

Tutto ad un tratto mi rendo conto di aver bisogno degli altri.
Mi ritorna in mente una poesia che scrissi alle superiori, "la falena". L idea era raccontare di un essere destinato a stare nel buio o a morire cercando la luce.
Decisi di uscire da quel periodo razionalmente, imparando dei metodi per farlo. Razionalmente, non emotivamente, forse e' questo il problema.

La vita da questo punto di vista non mi ha certo aiutato, le mie storie sono quasi sempre state calci nei denti.
Penso alla mia attuale malinconia, i motivi sono molto semplici. Che essere lineare che sono. Se riduci una scelta alle mere possibili risposte, ogni cosa appare banale. "quotidiano banale, lo scontato e l'usuale". Questa mia poesia e' piu' recente. Sempre lo stesso motivo, magari con una forma leggermente diversa.

La casa ora e' diventata "come una piccola Fonzie, quieta".
Sento solo Alex in cucina (o forse in bagno) che fa' scorrere l'acqua. E' cosi' rilassante, ma non riesco ad abbandonarmi al relax completamente, sento che mi manca qualcosa nonostante l'immensa fortuna che ho avuto nella mia vita.

"I giorni se ne vanno ed io rimango".
Questa non e' mia, ma descrive bene il mio stato.
So' che passera', se pensi alle cose non stai mai veramente bene, non stai mai veramente male.


My lifes pills - londra

"Conosco le abitudini di questa societa' che si ritiene civilizzata"
Gialli verdi bianchi, neri siamo tutti uguali. Tranne quelli verdi  che probabilmente hanno la colite.
In questi mesi londinesi ho capito che
1) A londra ci sono una quantita' imbarazzante di italiani
2) Non ho piu' l'eta' ed il fisico per andare a figa
3) la musica dei locali e' molto meglio
4) qui la cultura del lavoro e' molto diversa dal Friuli.

"Voglio cio' che mi spetta, lo voglio perche' e' mio, mi spetta"
Forse e' strano sentirlo dire da me, ma ho scoperto il cazzeggio produttivo. Chi mi ha conosciuto nella mia "vita precedente" sa che tipo di persona ero a lavoro. Ora mi sembra di non fare un cazzo, tanto che a volte mi pare che mi guardano male perche' cazzeggio troppo, eppure sembra che il mio lavoro sia apprezzato.
Tanti italiani qui mi hanno detto che hanno la stessa impressione.
Mi sento felice, il mondo e' lontano dall'essere perfetto, ma la direzione delle cose mi sembra quella giusta.

"Mi piace il cinema, parecchio, per questo mi chiamano vecchio"
Con l'eta' le mie priorita' stanno cambiando. Ci sono molte cose che ancora nn ho cancellato dal mio passato. In certe altre mi sembra di non riuscire a cambiare.

"In Amore, la donna vuole tribolare"
Eppure apparentemente, non si trova sul mercato il modello "tribola con Jurgo". Questo e' un vecchio problema.  Eppure ancora non ho voglia di attivarmi in questo senso.
La donna non si cerca dicono, eppure devi fare in modo di trovarla senza cercarla, immagino.

"parole parole parole.. Sei in ritardo.."
Ho sempre avuto questa sensazione.

"Passa l'una, l'una e un quarto, le due le tre le quattro, sara' ma a me' non passa un cazzo.."
Ho ancora problemi a dormire. Forse e' semplicemente il pc sempre acceso il problema. Ma non ho voglia di non averlo acceso. E' una questione di percezione del tempo e di una costante sensazione di dover fare qualcosa, di non aver fatto qualcosa, ma di non sapere esattamente cosa sia.

"Conan solo tu, spezzi le catene.."
Ebbene si. l'inglese ha rallentato la diffusione dei miei famosi tormentoni. E' difficile portare il mio umorismo a Londra. MA in realta' neanche tanto. Sta iniziando ora, mi sto' facendo conoscere, e i soliti effetti cominciano a vedersi.